Rari Nantes cinica. Punisce tutti gli errori dei giovani ravennati.

Ravenna Pallanuoto – Rari Nantes Bologna 3-10 (1-1, 0-3, 2-2, 0-4)

Ravenna Pallanuoto: Guernaccini, Giulianini, Mazzotti, Merlo, Tassi (1), Baroncelli (1), Allegri, Aldini, Catalano (1), Biagetti, Filatov, Melandri, Valentini. All. Cukic

Rari Nantes Bologna: Sgobbi, Leonardi (1), Bergo (2), Patti (2), Busuoli (1), Cenni (1), Ceglia, Franceschini (2), Farace, Nevola (1), Di Bartolomeo, Bondi, Dozza. All. Gamberini

Arbitro: Roberto Atzori.

La partita si preannunciava proibitiva, dal momento che Ravenna aspettava la visita della capolista Rari Nantes Bologna e così è stato, nonostante la partita sia stata in bilico fino a metà del terzo periodo di gioco.

Primo periodo di gioco molto equilibrato. Gli ospiti vanno in vantaggio con Patti, ex di turno, su tiro di rigore e i giallorossi pareggiano con un tiro dalla distanza di Baroncelli che inganna il portiere avversario, non impeccabile nell’occasione.

Il secondo tempo è tutto degli ospiti che allungano sul 4-1 grazie ad un parziale costruito soprattutto in situazioni di superiorità numerica, mentre i ravennati non riescono a capitalizzare le espulsioni conquistate.

Parole del mister Cukic: “Sapevamo come loro avrebbero affrontato la partita ed eravamo pronti. Dopo un buon inizio, abbiamo avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo e loro sono stati a bravi a realizzare sulle situazioni che hanno creato.”

Nel terzo periodo i padroni di casa si riavvicinano fino al -1 sul punteggio di 3-4, con le splendide reti di Catalano dal centro e di Tassi dalla distanza, sempre in parità numerica, ma la sterilità offensiva in situazioni di superiorità numerica e la precisione degli avversari li riporta sul +3 a fine periodo sul 3-6.

Nel quarto periodo Ravenna ha un vistoso calo di attenzione e gli ospiti non perdonano, sia in contropiede che in superiorità numerica. A risultato ormai fuori portata, mister Cukic dà spazio anche a qualche seconda linea e l’incontro si chiude su mesto 3-10.

Il commento finale di mister Cukic: “Peccato davvero perché avevamo lavorato bene in settimana. La nostra imprecisione in superiorità numerica oggi ci è stata fatale. Nei momenti decisivi abbiamo sbagliato e loro ci hanno subito punito. Ora subito al lavoro per il prossimo incontro, molto delicato, a Formigine”.

Sabato 29 febbraio, coronavirus permettendo, i giallorossi renderanno visita alla Onda Blu Formigine, formazione neopromossa e diretta concorrente dei ravennati nella lotta salvezza.

Domenica è scesa in acqua anche la formazione Under 13, guidata da Marta Nardella, che è stata sconfitta per 17-7 dai pari età proprio della Rari Nantes Bologna.

Nella foto: Nicolò Guernaccini. Le sue ottime parate non sono bastate a portare a casa punti.

Share