Verdetto salvezza rinviato allo scontro diretto dell’ultima giornata contro Belluno

Ravenna Pallanuoto – US Persicetana: 4-3 (0-0, 2-2, 2-0, 0-1)

Ravenna Pallanuoto: Guernaccini, Valentini, Mazzotti (1), Filatov, Tassi, Baroncelli (2), Allegri, Biagetti, Ciccone (1), Tirelli, Merlo, Melandri, Gentile. All. Cukic.

US Persicetana: Ardizzoni, Di Matteo, Bergonzoni (1), Zerbini (1), Barbieri, Balboni, Massari (1), Montecchi, Mattioli, Passerini. All. Salomoni,

 L’incontro con la Persicetana era una partita da vincere assolutamente per i ragazzi di mister Cukic, anche e soprattutto alla luce del pareggio fra Verona e Belluno che, salite entrambe a 13 punti, in caso di sconfitta ravennate si sarebbero portate sul +3 e con il vantaggio degli scontri diretti, rendendo inutile una eventuale vittoria giallorossa nell’ultima giornata di campionato.

La partita parte molto equilibrata con i ravennati che scendono in acqua molto tesi, mentre gli ospiti, in formazione un po’ rimaneggiata, sono attenti in difesa ma non riescono a passare in attacco e il primo quarto si chiude a reti inviolate.

Ricco di gol invece il secondo parziale con gli ospiti due volte in vantaggio (un pallonetto non irresistibile e un gol in superiorità numerica) e due volte raggiunti dai giallorossi sempre con Baroncelli, prima bravo a liberarsi in area ed a realizzare sull’ottimo servizio di Allegri, poi a mettere alle spalle del portiere avversario un pallonetto a fil di sirena e le squadre vanno al cambio di campo in perfetta parità sul 2-2.

Mister Cukic: “La partita di oggi era molto importante e l’avevamo preparata molto bene in settimana. Siamo entrati in acqua molto tesi ed abbiamo faticato a trovare il nostro gioco. Poi pian piano siamo entrati in partita mantenendo alta l’intensità difensiva.”

Nel terzo periodo di gioco i giallorossi allungano grazie all’inossidabile Mazzotti che va a segno su rigore conquistato da Allegri con uno splendido movimento al centro ed a Ciccone che realizza dalla distanza in situazione di superiorità numerica.

I ravennati, dopo aver sbagliato un rigore, cercano di controllare la partita e, seppur un po’ rinunciatari in attacco, concedono solo un gol agli ospiti (a segno dalla distanza) e chiudono la partita con una vittoria fondamentale per 4-3, vittoria che lascia aperte le porte della salvezza, rimandando il verdetto allo scontro diretto con Belluno.

Il commento finale di Vladimir Cukic: “Siamo una squadra giovanissima ed è naturale qualche errore sia tecnico che di esperienza. Oggi la partita era vitale e siamo riusciti a portare a casa il risultato, ma sabato prossimo dovremo essere molto più concreti in attacco se vogliamo raggiungere la salvezza”.

Ultima di campionato quindi sabato 8 giugno alla Gambi contro Belluno, con fischio di inizio alle 18.30, una partita che vale una stagione per entrambe le formazioni.

Nel weekend delle formazioni giovanili, è scesa in acqua la squadra under 15, guidata nell’occasione da Cesare Bagnari, che ha vinto nettamente (10-1 il risultato) la finale di ritorno per il settimo posto del campionato regionale contro i pari età della Reggiana Nuoto.

Nella foto: Matteo Gentile, estremo difensore ravennate

Share