I giallorossi non affrontano l’incontro con la giusta concentrazione ed escono sconfitti dalla squadra dell’ex Salomoni

US Persicetana – Ravenna Pallanuoto: 6-3 (3-2, 3-1, 0-0, 0-0)

US Persicetana: Ardizzoni, Canali, Bergonzoni, Zerbini (1), Pizzi (2), Balboni, Calanca (1), Boschi, Montecchi, Mattioli (2), Passerini, Caretti. All. Salomoni,

Ravenna Pallanuoto: Guernaccini, Valentini, Mazzotti, Filatov, Tassi (2), Baroncelli (1), Allegri, Biagetti, Ciccone, Tirelli, Di Stefano, Melandri, Gentile. All. Cukic.

Dopo la vittoria di Carpi, la trasferta di Bologna contro la Persicetana avrebbe potuto dare conferme e certezze a mister Cukic, ma purtroppo i giallorossi non hanno saputo interpretare al meglio l’incontro e tornano a casa a mani vuote e con qualche rimpianto di troppo.

Partita molto equilibrata e ricca di gol nel primo quarto di gioco con i ravennati che subiscono troppo in inferiorità numerica ma riescono ad andare a segno per due volte con Aaron Tassi (ex di turno, ndr) ed il primo parziale si chiude con i padroni di casa in vantaggio per 3-2.

Nel secondo quarto si consuma lo strappo decisivo da parte dei ragazzi di Salomoni. Dopo il pareggio ravennate raggiunto da Baroncelli in superiorità numerica, i padroni di casa mettono a segno un parziale di 3-0 per andare al cambio di campo sul punteggio di 6-3, punteggio che sarà anche quello finale.

Mister Cukic: “La partita di oggi era molto importante e l’avevamo preparata molto bene in settimana. Le amichevoli ci avevano dato buone impressioni e ci sentivamo pronti. Purtroppo non siamo entrati in acqua con la giusta concentrazione e con la giusta intensità, concedendo ai nostri avversari di segnare su nostri errori nati in situazioni che avevamo preparato. Un vero peccato, perché la partita era alla nostra portata.”

Nel terzo e nel quarto periodo di gioco le rispettive difese prevalgono e nessuna delle due formazioni riesce ad andare a segno. La squadra di Salomoni si limita a controllare l’incontro mentre i giallorossi non riescono a trovare il bandolo della matassa, complici anche le espulsioni di Allegri e di Tassi.

Il commento finale di Vladimir Cukic: “Siamo una squadra giovanissima ed è naturale qualche errore sia tecnico che di concentrazione, ma dispiace molto quando gli errori arrivano proprio sulle situazioni che avevamo preparato. Ora bisogna continua a lavorare per andare a recuperare i punti salvezza lasciati per strada, soprattutto in occasione delle sconfitte casalinghe con Vicenza e Verona, partite che avremmo potuto e dovuto vincere.”

Ora i ravennati,dopo la pausa del campionato, affronteranno la terza trasferta consecutiva sul difficile terreno del Belluno, squadra che ha costruito il suo bottino di punti proprio fra la mura amiche, in una vasca da 25 metri sempre difficile da interpretare.

Fischio di inizio sabato 30 marzo a Belluno  alle ore 19.45.

Nel weekend delle formazioni giovanili, è scesa in acqua la squadra under 17, guidata da Cukic e Matteo Casadio, che ha colto un importante pareggio sul campo dei pari età della Rari Nantes Bologna, unica squadra con cui i ravennati hanno perso nella prima fase del campionato.

Infine, i ragazzi della squadra Under 13 di Lorenzo Dradi sono stati sconfitti in casa da Parma con il punteggio di 6-10.

Share