Giallorossi primi grazie anche al pareggio del WP Verona sul campo di Vicenza

Reggiana Nuoto – Ravenna Pallanuoto: 4 – 5 (1-1, 1-0, 0-1, 2-3)

Ravenna Pallanuoto: Federici, Longo, Mazzotti, Scozzarella (1), Catalano, Maestri (1), Allegri (1), Bagnari (2), Ciccone, Tirelli, Polezzo, Miglio, Gentile. All. Pirazzini.

Reggiana Nuoto: Ciano, Marzadori (1), Ferrara (1 gol), Magnani, Zunda, Roldan, Curti (1), Merli, Morini, Delmonte (1), Franceschetti, Collarini, Angoli. All. Delmonte.

Arbitro: Paduano

La trasferta di Reggio Emilia rappresentava un momento di svolta per la formazione giallorossa: sul campo dove nessuno era riuscito a vincere (sconfitte sia Parma che WP Verona, ovvero le principali pretendenti alla promozione in serie B) una sconfitta avrebbe significato l’addio alle ambizioni di lottare fino alla fine del campionato per la promozione mentre una vittoria avrebbe mantenuto vive le possibilità per i giovani ravennati di giocarsela nelle ultime tre partite.

L’incontro, arbitrato con molto equilibrio dal sig. Paduano, non ha deluso le aspettative ed è stato intenso e combattuto dall’inizio alla fine.

Squadre molto attente in difesa sin dal primo quarto di gioco, parziale che si chiude sul punteggio di 1-1 con la rete ravennate messa a segno da Maestri in superiorità numerica (sarà l’unica segnatura con l’uomo in più nonostante le 12 opportunità a disposizione, ndr) ed i portieri in evidenza con interventi ottimi da entrambe le parti.

Nel secondo periodo il copione non cambia: ritmi ed intensità molto alti con difese e portieri che hanno la meglio sugli attacchi avversari ed i padroni di casa si portano sul 2-1 grazie ad una rotazione difensiva non perfetta dei ragazzi di Pirazzini.

Coach Pirazzini: “Avevamo preparato l’incontro con grande attenzione ed avevo chiesto ai ragazzi di giocarla con il cuore. Abbiamo commesso molti errori in attacco, soprattuto con l’uomo in più, ma abbiamo mantenuto intensità e concentrazione fino alla fine e questa è stata la chiave della partita.”

Nel terzo periodo, dopo l’espulsione definitiva di Miglio, i giallorossi vanno a segno con una splendida rete di Bagnari che riesce a finalizzare alla perfezione un contropiede dopo un’azione in inferiorità numerica e la difesa non concede nulla, grazie anche all’ottimo Federici fra i pali giallorossi (anche un rigore parato per lui, ndr) ed il quarto periodo inizia in perfetta parità, sul punteggio di 2-2.

Ed è proprio nel periodo di gioco decisivo che i giovani ravennati portano a casa la partita, mettendo a segno un parziale di 3-0 e poi contenendo il tentativo di rimonta dei padroni di casa che comunque lottano fino all’ultima sirena.

Per i ravennati a segno ancora Bagnari che trasforma con freddezza un tiro di rigore ben conquistato da Catalano al termine di un’ottima azione corale, poi Allegri si fa trovare pronto a concludere un’azione di contropiede ed infine Scozzarella che segna con un lampo della sua classe infilando il portiere avversario con un perfetto tiro dalla distanza.

Gli emiliani non ci stanno e tentano di rientrare in partita e si riavvicinano sul 4-5 con due minuti da giocare ma la difesa ravennate regge e i giallorossi chiudono l’incontro con la palla in mano.

Ancora Pirazzini: “Una vittoria soffertissima contro una squadra difficile ed imbattuta in casa: devo fare i complimenti a tutti i miei ragazzi per come hanno saputo affrontare un avversario esperto e forte fisicamente. Ora, grazie anche al pareggio imposto dal Vicenza al WP Verona, ci troviamo in testa alla classifica. Dobbiamo goderci questo momento e prendere coscienza della nostra forza, ma già da lunedì dobbiamo tornare al lavoro per preparare la partita di sabato prossimo contro Parma, che è in piena corsa per la promozione e che all’andata ci ha battuto abbastanza nettamente.”

Domenica è scesa in acqua anche la squadra Under 13, guidata da Alessandro Bustacchini, che ha affrontato la squadra di Carpi nei quarti di finale del campionato regionale ed è uscita sconfitta con il punteggio di 9-4. L’incontro è stato più equilibrato di quanto il punteggio possa evidenziare, con i giovanissimi giallorossi che hanno saputo tenere molto bene il campo contro un’avversaria molto più quotata, ma che alla fine hanno pagato i molti errori commessi in fase conclusiva, grazie anche all’ottima prestazione dell’estremo difensore avversario.

Nella foto: Lorenzo Federici, decisivo fra i pali della porta ravennate

Share