La squadra di Alagna e Veronesi tiene fede alle aspettative e domina l’incontro
Ravenna Pallanuoto – De Akker Bologna: 1-11 (0-3, 0-1, 0-3, 1-4)
Ravenna Pallanuoto: Guernaccini, Di Stefano, Mazzotti, Filatov, Missiroli, Baroncelli, Allegri, Biagetti, Ciccone (1), Tirelli, Merlo, Melandri, Gentile. All. Cukic.
De Akker Bologna: De Santis, Stefanelli (1), Barboni (1), Maistrello (2), Scozzarella, Bonzagni (1), Martelli (2), Bagnari, Rocca, Lorenzoni (1), Calandriello, Cecconi (3), Gozzoli.
Arbitro: Rizza
Troppo forte la corazzata De Akker Bologna per la formazione ravennate. I felsinei, squadra costruita per puntare dritto alla promozione, schierano infatti diversi elementi prelevati da formazioni di serie A2, oltre ad altri giocatori di ottimo livel-lo, ed hanno fatto valere il consistente divario tecnico, fisico e di esperienza nei confronti dei giovani di Cukic.
Nella prima parte di gara però i ravennati riescono a restare in partita e vengono puniti solo in un paio di situazioni derivanti da errori decisamente banali com-messi in contropiede che hanno poi generato il contropiede avversario.
Sul punteggio di 2-0 a favore degli ospiti, da segnalare un tiro di rigore conquista-to da Ciccone che il capitano Allegri non è riuscito a tirare a causa di una scorret-tezza di un difensore avversario che è riuscito a toccare il pallone prima del tiro.
Scorrettezza decisamente non necessario, considerato il divario fra le due forma-zioni, ma purtroppo sfuggita alla direttrice di gara e forse unica svista in un arbi-traggio come di consueto molto preciso.
Dopo il terzo gol degli ospiti sul finire del primo tempo, il secondo periodo risulta molto equilibrato, con i ravennati che riescono a contenere gli avversari conceden-do solo una rete in inferiorità numerica, ma in attacco il maggior peso ed esperien-za degli ospiti non consentono ai ragazzi di Cukic di andare a segno e si va al cam-bio di campo sul punteggio di 4-0 a favore dei bolognesi.
Mister Cukic: “Oggi la partita era difficilissima e lo sapevamo. Rispetto ad altre uscite, l’atteggiamento della squadra è stato molto positivo, anche se il risultato ci penalizza forse più del dovuto. Peccato per il rigore che il nostro capitano non è riuscito neanche a tirare, ma il risultato non sarebbe certo cambiato”.
Dopo il cambio di campo, complice anche una maggior rotazione degli uomini da parte di Cukic, gli ospiti prendono il largo, nonostante l’ottima prestazione fra i pali ravennati di Matteo Gentile.
Bisogna quindi aspettare l’ultimo periodo di gioco perché Ciccone metta a segno il punto della bandiera con un bel tiro dai 5 metri e l’incontro si chiude con un pe-sante 1-11.
Le considerazioni conclusive di mister Cukic: “La squadra sta lavorando e sta cre-scendo. Sapevamo che avremmo affrontato un avvio di stagione molto duro e, a parte l’incontro con Verona, abbiamo poco da rimproverarci. Ora però affronteremo formazioni con le quali ci giocheremo la salvezza e dovremo fare di tutto per portare a casa i punti necessari, già dalla prossima settimana a Carpi”.
Domenica 10 marzo (a Carpi si gioca di domenica per problemi di disponibilità dell’impianto) i giallorossi renderanno visita al Coopernuoto e sarà un incontro importantissimo per il prosieguo della stagione giallorossa. Fischio di iniziò alle ore 18.30.
Infine, Domenica 3 marzo in acqua anche la formazione Under 17, principale ser-batoio della prima squadra, che ha affrontato e battuto i pari età della Reggiana nuoto con un netto 14-3, al termine di un incontro fin troppo spigoloso, considera-to il punteggio finale.
Nella foto: Matteo Gentile, estremo difensore giallorosso

Share